Energie biodegradabili

Il mondo dello IoT ( internet of things) non smette di stupirci.



I microsistemi conosciuti come EMS (micro electro mechanical system) si inseriscono nella famiglia dei big data divenendo l'elemento innovativo inaspettato dell'industria 4.0


La domanda principale oggi riguarda le fonti di alimentazione e a rispondere sono gli scienziati dell’Empa guidati da Xavier Aeby e Gustav Nystrom hanno miracolosamente dato alla luce un mini condensatore biodegradabile, un vero e proprio miracolo ecologico.



La stampante in 3D può immagazzinare elettricità per ore arrivando ad alimentare un piccolo orologio digitale, tutto con uno speciale mix di inchiostri atossici.


Il suo funzionamento è garantito dalla presenza di un substrato flessibile, composto da particelle di nanofibre e nanocristalli in cellulosa mescolati al glicerolo, sopra il quale vanno a depositarsi un elettrodo e un elettrolita, formando uno strato conduttivo costituito da grafite, neoforumo e gommalacca.


Dopo esser stato stampato, il substrato viene piegato su se stesso, così che l’elettrolita vada a posizionarsi nel mezzo, questo è principalmente costituito da sali da cucina.


L’elettricità immagazzinata fa sì che il dispositivo sia in grado di supportare diversi cicli di carica e scarica arrivando a durare anni anche a temperature sotto lo zero.


Ciò che lo rende speciale è che al termine del suo ciclo di vita, il dispositivo può essere raccolto tra i rifiuti organici, basteranno solo due mesi affinché sia naturalmente degradato rilasciando solo particelle di carbonio.


Be1 rimane connessa per aggioravi sulle ultime news in merito di sostenibilità.




18 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti